3. Il corpo che comunica. L’immagine che abbiamo del nostro corpo è parte integrante della nostra identità. Nominare, conoscere, comprendere il corpo

“Quando un disabile ha una percezione equilibrata e di accettazione della propria situazione, più facilmente è portato a credere che gli altri lo guardino perché si incuriosiscono di alcune cose, ad esempio della protesi, della carrozzina, dei suoi movimenti, della deambulazione particolare; se invece egli rifiuta la sua menomazione o Leggi tutto…

2. Sulla propria pelle: le ragioni di un laboratorio

a cura di Giovanna Di Pasquale Intervista a Luca Cenci e Tristano Redeghieri Come nasce il laboratorio L’idea del laboratorio nasce dalla convinzione che il corpo sia uno dei maggiori strumenti per relazionarsi con gli altri. Essendo un insegnante Isef specializzato nell’attività motoria per bambini da 0 a 5 anni Leggi tutto…

1. Qual è la percezione che hanno del proprio corpo le persone con disabilità?

Come Adamo presto al mattino,/che cammina uscito dalla capanna di fronde rinfrancato/dal sonno,/ guardami mentre passo, odi la mia voce, avvicinami,/toccami, accosta la palma della tua mano al mio corpo/mentre passo,/non avere paura del mio corpo.  (Walt Whitman, Foglie d’erba) Sono ormai passati tre anni da quando ci siamo posti Leggi tutto…