Sono qua con tre giocatori della nazionale. No sono Buffon, Zaza e Darmian ma Emanuele Padoan, Francesco Messori  e Daniele Piana.                                                                                                                                             Di loro non avete mai sentito parlare perché nella Gazzetta dello Sport non sono in prima pagina, ma forse neanche in ultima. Nessuno ne parla, forse, quindi saranno loro a dirci di che nazionale fanno parte, anzi ve lo dico io: sono della Nazionale di Calcio Amputati.                                                                                                          Ma voi lettori vi starete chiedendo, dopo questa piccola premessa, dove sono e perché sono con loro. Siamo a Correggio presso la piscina comunale dove, da una settimana, si sta svolgendo il torneo di Beach Volley denominato Trocia Beach. Sono qui perché da un paio di anni ospitiamo atleti disabili che presentano il loro sport: abbiamo conosciuti il baskin, il sittin volley e quest’anno abbiamo deciso di chiamare e conoscere il calcio per amputati.  Stesi su un lettino decido di intervistarli.                                                                                                                              Come si fa a giocare a calcio con una gamba? Proprio non lo so. Infatti questo articolo l’ho intitolato : il tunnel perché io quando giocavo a calcio non c’era cosa più bella che fare un tunnel ad un ’avversario. Per chi non ha mai masticato il calcio il tunnel è quando fai passare la palla sotto alle gambe del rivale. Quindi la prima domanda che rivolgo ai giocatori è proprio questa: come si fa a fare un tunnel a uno che gli manca una gamba?                                                                                                                                                      Emanuele: Il tunnel vero e proprio non si può fare come a un giocatore che ha due gambe, però tra la gamba e la stampella si. Per noi quello è il vero tunnel. A volte riesco a farli ed è sempre bello.           Domanda: Prima di andare nello specifico mi dite cosa fate nella vostra vita oltre che giocare a calcio?
Emanuele: Io studio. Frequento la 3° superiore di un istituto tecnico. Aspetto di crescere giocando  calcio e studiando.                                                                                                                                                                Daniele: Io nella vita faccio il principe. Infatti non faccio niente perché non ho un lavoro. Lo sto cercando e spero venga presto. Intanto che aspetto di trovarlo mi perdo a girare con la Nazionale.                      Francesco: Io con Emanuele sono uno studente. Anch’io frequento un ‘istituto la 3° superiore di un istituto tecnico a Correggio (RE). La mia vita è studio e sport.                                                                                  Domanda: Francesco so che l’idea di formare una squadra di calcio amputati è nata da te. Come mai?
Francesco: Dato che per me non era il massimo giocare con i miei coetanei che avevano due gambe, i normodotati, volevo confrontarmi con quelli a pari livello. Quindi ho deciso di formare questo gruppo con l’aiuto di tante persone.                                                                                                                                     Domanda: E voi quando vi ha chiamato cosa avete pensato: questo è un pazzo?
Daniele: Io li ho conosciuti solo a febbraio del 2014. Sapevo già che c’era questa Nazionale, ma da ex calciatore a due gambe, ero un po’ retinente ad andare a giocare. Poi ho visto qualche partita e mi son convinto a contattarli e chiedere se potevo fare un provino. Sono andato a Milano e da li ho iniziato a far parte della Nazionale.                                                                                                                                         Emanuele: Io ho iniziato a far parte della squadra a giugno del 2013. Io sono nato con la gamba più corta e ho fatto vari interventi. In uno di questi interventi, visto che la voglia di giocare era tanta, ho contattato la Nazionale e ho fatto il primo allenamento con i fissatori. Da quel giorno faccio parte della Nazionale. E’ stata una fortuna averli conosciuti .                                                                                                                 Domanda: Quindi non c’è un vero e proprio campionato di questa disciplina. Pochi amputati?
Daniele: Per fortuna ( ridendo)                                                                                                                           Francesco: Diciamo che forse molta gente non ci conosce ancora ed è difficile venirne a conoscenza.Domanda: Emanuele ci ha detto che è nato con una gamba più corta. Voi invece cosa è successo?                                                                                                                                                                  Daniele: Io ho avuto un incidente quattro anni fa in moto. Avevo 32 anni. Fortuna vuole che dopo trent’anni mi sono comprato la moto contro la volontà di mia madre.  Dopo 5 giorni ho fatto il patatrac. Non so veramente come ho fatto affrontare questa cosa. Non so dove ho trovato la forza, ma ce l’ho fatta. Anche abbastanza presto ho accettato di avere solo una gamba. La vita  va avanti. Io ho sempre pensato  che le cose sono due: o ti adegui o di estingui.                                                                                                          Domanda: Ma tu giocavi a calcio anche prima dell’incidente?                                                                                Daniele: Si giocavo a calcio. Sono arrivato a giocare fino alla categoria promozione. E da quando avevo sei anni che giocavo al pallone. La voglia di giocare al calcio e il rimettersi in gioco mi ha dato la voglia e la forza di provare a superare dei limiti che prima erano immaginabili.                                                                    Francesco: Io fortunatamente sono nato senza una gamba quindi mi sono abituato subito al mio tipo di vita. Non ho dovuto affrontare i problemi di quelli che hanno perso una gamba. Per me è normale vivere così.
Domanda: Questa è per gli studenti, ma ginnastica la fate a scuola?                                                                 Daniele: Si la faccio. Faccio tutto quello che fanno i miei compagni. Anche quando ero piccolo volevo fare tutto quello che facevano i miei compagni. Ad esempio quando andavo a Gardaland e mi impedivano di andare sulle giostre mi arrabbiavo perché non ne capivo il motivo.                                                                 Francesco: Anch’io faccio tutto quello che fanno i miei compagni.                                                                              Domanda: E se giocano a pallavolo?                                                                                                                                      Francesco: Dopo un po’ che salto faccio fatica. Da seduti sarebbe meglio.
Domanda: ma voi pensate veramente che lo sport sia integrazione o avete qualche dubbio visto che prima a microfoni spenti vi ho detto la mia opinione? Daniele hai chiesto ai tuoi ex compagni di squadra di formare una equipe dove tu possa giocare? Anche tu Francesco che giocava nel Mandrio con una mega pubblicità sui giornali dove si acclamava l’evento di un ragazzo amputato che giocava con i normodati. Come vi sentivate? Notatavate qualcosa di diverso? Ve lo chiedo perché dopo noi giocheremo e la prima cosa che ho detto ai miei amici è che volevo farvi un fallo subito perché non devo avere remore come quando facevo l’ISEF e a basket dovevo marcare una donna.                                                                                                    Daniele: Io ho la fortuna di avere vicino a me un sacco di amici e mi vogliono bene. Forse è per questo che non ho di questi problemi. Infatti io sono tesserato per una squadra a 11 dove più della metà del gruppo è incapace di giocare al football e quindi faccio ancora la mia bella figura (ridendo) in mezzo a loro solo con una gamba. Come ho detto prima  ho la  fortuna di avere amici che mi hanno dato subito la possibilità di rimettermi in gioco. Da quest’anno vado anche a fare tornei in giro con loro. Le remore ce l’hanno i normodotati che non ti conoscono nell’affrontarti, farti il fallo come dici tu. Si vedono spiazzati davanti a una persona che gioca al calcio con le stampelle. Ti racconto un aneddoto: in un torneo,  stavo saltando di testa e ho fatto spalla a spalla con il mio avversario. Nell’atterrare ho puntato le stampelle e lui ricadendo mi ha preso il braccio e mi sorreggeva. Io l’ho guardato e gli ho detto “ grazie…ti voglio bene…Ma se era il mio socio con due gambe l’avresti sorretto?” Lui mi ha guardato un po’ stranito e mi ha risposto “ hai ragione… forse no”  Vedi io so quello che sto facendo , sto giocando al pallone e in questo sport ci sono i calci, le spinte e le pedate. Ti può capitare di tutto, ma so quello che sto facendo. Per me è un bene perché se mentre giocano hanno paura di marcarmi e mi lasciano lo spazio per tirare. Dopo che ho fatto il primo goal mi stanno più vicino e mi marcano più stretto.                                                                                              Francesco: Come ha detto Daniele hanno più paura la gente che noi perché penso che provino compassione. Per loro sembra che siamo fatti di carta pesta  e hanno quindi paura di venirci addosso. Io a volte debbo dirlo di giocare sul serio se no loro mi lasciano andare con la palla senza provare e prendermela.                                                                                                                                                                       Emanuele: Io ho sempre giocato nella squadra del mio paese. Non mi hanno mai emarginato e mi hanno fatto sempre giocare. Anche adesso che ho le stampelle mi alleno con gli amici della mia età. A volte, come hanno detto loro, quando facciamo delle partite integrate o noi della Nazionale contro normodotati, hanno paura di affrontarci. Secondo me è un loro problema psicologica e quando un ragazzo vede uno come le stampelle, pensa che sia molto in difficoltà e lo vede come un giocatore inferiore e quindi un sport inferiore.. Invece  non capiscono che anche nel nostro calcio ci sono si i gol ma anche tante spallate, scivolate…  Però concludo dicendo che anch’io sono stato molto fortunato, come Dani, ad avere amici e una società che mi sono state vicine e mi hanno sempre fatto giocare.                                                                       Daniele: No è tanto il calcio in sé l’integrazione ma è lo sport di squadra, il gruppo. Se tu formi un gruppo e il gruppo è affiatato, tutto ti diventa più facile.                                                                                                                      Domanda: Ma cosa manca ancora secondo voi, se manca qualcosa…                                                                                                           Daniele: Manca un passo!(Ridendo)                                                                                                                                                                         Domanda: Si parla tanto di parità, ma sembra sempre che manchi qualcosa per raggiungere la parità. O è un dire che manca qualcosa?                                                                                                                                                              Daniele: Il mancare qualcosa dipende da come ti guardano i normodotati, come ti giudica. Se uno ti guarda con la faccia che ti fa capire che per lui sei un poverino ha perso la gamba                                                                  Francesco: Quello che pensa così è a lui che manca qualcosa.                                                                                            Domanda: Allora voi cosa potete fare?                                                                                                                                          Daniele:  Devo fargli capire che sono un ragazzo in gamba! Io ci scherzo sopra alla mia condizione. Piangi un giorno. Ne piangi due. Ne versi un secchio pieno, ma la tua gamba non cresce mai.  Misurala tutti i giorni, non cresce mai…Neanche di un centimetro…neanche di un millimetro!
Domanda: Perché te la misuravi tutti i giorni?                                                                                                                                Daniele: Si per un po’ l’ho fatto. Poi mi dicevo magari se piango un po’ mi cresce, magari solo un centimetro,  ma mi cresce. Invece no non ti cresce più la gamba e ti devi abituare a questa cosa.                    Domanda: Questa la rivolgo solo a Daniele visto che ha avuto la possibilità di giocare a calcio con due gambe: quali sono le differenze tra giocare a due e una gamba?                                                                                      Daniele: Giocare a una gamba è molto più difficile: i tempi, percorrenze. Poi il tuo cervello ragiona come se avessi due gambe. Fermare la palla con le stampelle per me la prime volte è stato difficile perché continuavo a seguirla e non ti viene di appoggiare il piede sul pallone per fermarla perché il tuo cervello lo associa automaticamente al cadere. Anche il tirare è più difficile specialmente a palla in movimento perché devi coordinare il tuo movimento calcolando anche che hai le stampelle. Molte volte ho calciato le stampelle e cadevo per terra.                                                                                                                                                                    Domanda: Il vostro futuro calcistico come sarà?                                                                                                                Francesco: A fine agosto con la Nazionale ci ritroveremo a Correggio per un allenamento. Questo sarà il pre-Polonia dove andremo a fare un torneo europeo a 6 squadre.                                                                                                  Tristano: Grazie di tutto e ci vedremo tra poco sul campo e spero proprio di farvi un tunnel! Per la cronaca la mia squadra ha perso…non ho visto palla e il mio amico Battini ha subito un… TUNNEL!