SUL GRANDE SCHERMO/Una straordinaria quotidianità

Priscilia, Cyril, Johan et les autres è un documentario semplice, lineare, che ha l’intento, esplicitamente dichiarato, di raccontare la vita quotidiana, e i principi che ne determinano ritmi e caratteristiche, così come si svolge nei centri di Allagouttes e Surcenord, in Francia. Qualità, quelle della chiarezza e non artificiosità espositiva, Leggi tutto…

SPAZIO CALAMAIO/Quando il Calamaio macchia la class

Sono tre anni che il Progetto Calamaio conduce dei percorsi a Correggio (RE) con classi delle elementari grazie al sostegno del Trocia Beach, un evento nato in ricordo della morte di un ragazzo soprannominato “Trocia”. Quest’anno ne sono stati realizzati quattro, e alcune maestre che hanno partecipato agli incontri hanno Leggi tutto…

L’integrazione? Si fa in Arena!

Qualche giorno fa passeggiavo in centro a Bologna, ad un passo dalla fontana del Nettuno, quando l’occhio mi è caduto su una pubblicità posta sul retro di uno dei tanti autobus di linea… "Sabato 12 aprile, Progettare e promuovere l’integrazione delle abilità nella scuola inclusiva. Quali buone prassi?, presso il teatro Arena del Sole".Curioso, ho pensato.

“Stelle sulla Terra”, Superabile, Novembre 2013

Ed eccoci qua, reduci dalle intense giornate di Rimini, dove in molti ci siamo ritrovati o per la prima volta incontrati al Convegno Erickson, come ogni anno ricco di stimoli e novità. Si è ovviamente parlato di integrazione scolastica, della bollente questione BES ma anche di arte, affettività e sessualità e il divertimento non è mancato.

Bes o non bes? Questo è il problema?, Superabile, Luglio 2013

Scuole chiuse, dibattiti aperti.
Per la gioia di molti studenti anche per quest’anno è andata. La scuola è finita, rimane qualche maturando alle prese con gli orali, poi i nostri ragazzi penseranno a godersi questa caldissima estate. Ancora una volta ci troviamo a tirare le somme, a fare considerazioni. Lo scorso settembre avevo scritto alcune riflessioni sulla drammatica situazione economica della scuola pubblica italiana, proponendo la creatività come strumento anticrisi.

Albeggiando sulle Dolomiti… , Superabile, Dicembre 2012

La giornata internazionale della disabilità è ancora importante, come scrive il mio amico Franco Bomprezzi. "Sono convinto che le parole servono, che i momenti di riflessione aiutano a serrare le fila, e a fare rete… e per la memoria, per ricordarci come eravamo e quanto abbiamo sofferto e combattuto…". Per questo vorrei essere ovunque a comunicare, a promuovere una prospettiva diversa, una cultura della disabilità comprensibile e divulgabile alle nuove generazioni.

La tavoletta sarda, Superabile, Dicembre 2012

E andiamo! Anzi… ajò! Questa folkloristica esclamazione mi fa venire in mente quando per la prima volta (era il secolo scorso!) sono sbarcato in quella bellissima isola ospite dell’ABC Sardegna dell’amico Marco Espa.
Ajò oggi torna splendidamente di moda.

Caro Maurizio Crozza…, Superabile, Ottobre 2012

Non siamo mica qui a contare quanti giri fa la ruota della carrozzina di un disabile nella scuola italiana, direbbe Maurizio Crozza imitando un nostro noto leader politico. Contare i giri della ruota sarebbe effettivamente eccessivo, caro Maurizio. Buttare un occhio su numeri e dati provenienti dal mondo della scuola, tuttavia, è necessario, specialmente ora che siamo ai nastri di partenza di un nuovo anno scolastico. La crisi economica si è abbattuta inevitabilmente su tutti gli ambiti della nostra vita e la scuola, purtroppo, non fa eccezioni.

SPORT AGEVOLI/Emozioni e sensazioni di “giovane” integrazione, attraverso lo sport a scuola

Con il gruppo Calamaio RE-MO (Reggio Emilia e Modena) ho concluso nel 2011 un ciclo di tre percorsi con tema lo sport a Correggio (RE) presso le scuole medie “Andreoli. Marconi”. Ogni percorso è formato da cinque incontri: due con gli insegnanti (programmazione e verifica) e tre con tutto il Leggi tutto…

Sport agevoli – Oggi gioco anch’io!

Per dieci anni sono stato responsabile di un progetto, denominato “L’Ottavo Giorno”, che aveva come scopo primario quello di integrare nella società soggetti disabili giovani e adulti attraverso il divertimento. Il mio compito era quello di organizzare il tempo libero di una trentina di soggetti in situazione di handicap proponendo loro attività ludiche di vario tipo.